CONTROLLO ECOGRAFICO

Il controllo ecografico dell’apparato genitale maschile è un esame che mira all’accertamento delle cause dell’ipofertilità maschile.

Questo esame valuta la morfologia del pene, dei testicoli e dell’epididimo. Si effettua con uno specifico apparecchio ecografico che serve ad esaminare questi organi e durante la procedura, con uno speciale dispositivo esploratore ad onde sonore di alta frequenza, si trasformano in immagini sullo schermo.

I singoli esami effettuati durante il controllo ecografico sull’apparato genitale maschile

  • Controllo ecografico dei testicoli: consigliato a pazienti con patologie ai testicoli, criptorchidismo, infertilità, tumore, idrocele;

  • Controllo ecografico degli epididimi: consigliato a pazienti con problemi di fertilità e infiammazioni testicolari

  • Ecografia della prostata e delle vescicole seminali: consigliato a pazienti con infertilità dovuta a patologie infiammatorie della prostata

  • Triplex dei vasi spermatici: consigliato a pazienti con infertilità, criptorchidismo e lesioni ai testicoli

 

Risultati degli esami

  • Varicocele, si osserva una dilatazione dei vasi del testicolo e può portare alla produzione di ridotte quantità o di cattiva qualità di liquido seminale.

  • Problemi ai dotti eiaculatori impediscono la fuoriuscita di spermatozoi durante l’eiaculazione.

  • Problemi di prostata.

In presenza di un qualunque rinvenimento patologico, il medico orienterà il paziente alla terapia terapeutica più adeguata per il trattamento del problema.