FECONDAZIONE ASSISTITA

LA LEGGE 40
 

In Italia, la fecondazione assistita è regolata dalla Legge 40 del 19 febbraio 2004 “Norme in
materia di procreazione medicalmente assistita”. Negli ultimi anni la legge 40 ha subìto diverse modifiche. Nella sentenza 398/08 del TAR del Lazio, viene dichiarato illegittimo il divieto di diagnosi preimpianto previsto dalle Linee Guida ministeriali. Successivamente, la sentenza n. 151/2009 della Corte costituzionale ha ristabilito che il numero di ovuli da inseminare e il numero di embrioni da trasferire in utero fosse deciso dal medico, d’accordo con la coppia, tenendo conto della situazione clinica, dell’età della donna e soprattutto con l’obiettivo di effettuare meno stimolazioni possibili, reintroducendo la possibilità di congelare gli embrioni. Nel 2014, un’altra storica sentenza ha abrogato il divieto di fecondazione eterologa e nel 2015 l’altra sentenza ha permesso alle coppie fertili con patologie trasmissibili di poter usufruire delle tecniche di PMA.